Vai al contenuto

il filosofico come transpersonale

6 febbraio 2013

quindi si direbbe automatico il passaggio dalla filosofia al transpersonale (…) i due termini si equivalgono e alludono alla stessa realtà, ma lo stesso si potrebbe dire dell’elemento psicologico? è che la trans-persona coinvolge i principali ambiti dell’essere, senza per questo sfociare o scivolare nel mistico (…) dunque Wittgenstein avrebbe ragione da vendere, se solo si potesse…e il mistico non è fuori dal mondo; si direbbe che lo Zen o il Tao implicano lo Stesso, a prescindere dalle loro varianti clericali (…) infatti, si è molto vicini a Zhuangzi, al rifiuto di lasciarsi coinvolgere nella rete delle parole, e Tao sarebbe la garanzia che i nostri atti sono molto più dei nostri atti, una lezione riuscita, una jam session, centrata, e così via, l’equilibrio (…) anche per questo sarebbe meglio non saltare a conclusioni affrettate e ravvisare il mistico a pari merito, o diritto, con la trans-persona; la convenzione, questa sì, imporrebbe che i nostri atti debbano essere rivendicati come nostri, a scapito di intuizioni o Peak experiences che non mostrano la corda (…) quindi, anche il linguaggio avrebbe dei buchi (…) inutile dirlo, si corre il rischio di essere fraintesi, eppure il contatto con l’altra dimensione, o mondo parallelo, per semplicità, per brevità, impedirebbe il pericolo succitato (…) anche scrivere per barre, per negazioni, proviene da un Altro che, meno che mai, sarebbe lacaniano: i nomi propri si intersecano, e non lasciano adito a dubbi, il riconoscimento impedisce una più nitida visione dell’oggetto (…) si dirà, pertanto, che anche questa menzione arriva dal transpersonale, ma una più diretta attenzione ottunde il canale come tale. al di là di un progetto, ci volgiamo al dicibile, a ciò che non perviene dallo storico, dall’habitat in cui fummo bambini, o poco più, anche i Greci, in fondo, erano così, almeno agli occhi degli egizi, e noi, pallidi epigoni, o pallidi epigoni, ci beiamo di queste esperienze, senza inorgoglirci, oh no—a che pro, insomma, le Upanishad, Daodejing, Biyanlu, ecc., se poi è la nostra testa che evitiamo di porre a repentaglio, per una misera vocazione o attaccamento all’ego? anche l’ego, si vedrà, era un fantasma, ma…non lasciamoci, fuorviare.41hRLYjvYfL._BO2,204,203,200_PIsitb-sticker-arrow-click,TopRight,35,-76_AA318_PIkin4,BottomRight,-18,-17_AA300_SH20_OU01_nonsense cover

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: