Skip to content

Sponde della sensorialità

10 dicembre 2014

L’etico potrebbe riguardare un udito talmente esteso da non percepire null’altro di udibile o un occhio talmente ampio da non poter scorgere alcunché all’infuori di se stesso. E’ sempre così: si comincia con l’attribuire tanta importanza all’esperienza sensoriale, poi se ne viene soggiogati. Una cultura dell’immagine, che si alimenti dell’opacità di una esistenza prevedibile.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: