Skip to content

La morte del padre

20 dicembre 2014

Al capezzale di mio padre, 15 anni fa, ho preso in mano l’Ecclesiaste e il “Libro tibetano dei morti”; più per rispetto che a me, forse, che a lui. Ma ho unito due mondi, il mio e il suo, i quali difficilmente si potranno disgiungere. Poi, però, ho sentito che le parole dovevano essere mie, e che qualsiasi vocazione eteroletteraria era superflua, persino quella delle opere sull’indicibile. Allora gli ho ricordato, in momenti di incoscienza palese, che avrebbe incontrato mia madre; non bastava. Il quadro si completò, solo quando gli menzionai che anch’io lo avrei raggiunto infine.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: