Skip to content

Il sogno dei due monaci 2

20 giugno 2015

Esiste una legge che permetta di stilare le condizioni ottimali della comprensione? Come faccio a rendermi conto che l’altro ha capito ciò che dico? Sembra che il maestro conosca bene il discepolo, visto che lo fa sorridere. O il sorriso non è frutto dell’atteggiamento del maestro. Se il sorriso significasse: “Non capisco, spiegati meglio”? Cos’è che, nel mio sogno, mi fa propendere per l’una o l’altra ipotesi? Eppure ne sono certo: il discepolo ha capito, e sorride. Fa una smorfia con la bocca. Non riesco a trasmettere il fondamento della mia convinzione; si dirà: è così per tutte le convinzioni.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: