Skip to content

Pandit Pran Nath: la ripetizione cambia

1 dicembre 2015

La ripetizione feconda nuovi parti, contro l’accademismo. Ci sarà chi, programmando un loop al computer, penserà di riprodurre la medesima sequenza di note. Al contrario, ogni flusso muta la direzione del processo. Ho perso quattro monete in una giornata di pioggia. Sotto un cielo sereno ripercorro lo stesso itinerario, e ne trovo proprio quattro. Sono le stesse?
Sono differenti? Non si dà la ripetizione, né il cambiamento. Se le monete o le note di un riff siano le stesse è un falso problema. Gli armonici risuonano, arrecando godimenti sempre nuovi. Ne sapeva qualcosa Pandit Pran Nath che addestrò Jon Hassell a cantare la stessa nota per un anno…Sempre la stessa? È soltanto una convenzione linguistica, un modo di dire…

Estratto da Leonardo Vittorio arena, Il tao del non suono, Kindle Edition 2014

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: