Skip to content

Homo academicus

4 gennaio 2016

Nell’ambito accademico c’è molta competizione, e ciascuno teme il giudizio dell’altro, purché sia un suo superiore. Non c’è un vero dialogo e con i subalterni quasi non si parla. Ci si irrita se non si viene citati nelle riviste accademiche, pensando di non ottenere la giusta considerazione. L’invidia e la polemica sono all’ordine del giorno. Quanto alla specializzazione, basterebbe citare il caso dell’uomo comune, il quale faceva notare che una insegnante aveva compilato un lessico monumentale, enumerando quante volte il filosofo aveva detto se e ma… Una esagerazione, che però fa pensare. Soltanto dall’ozio vengono le idee, cosa che il critico da strapazzo non può condividere, lui che balza da un libro all’altro alla ricerca di idee che non ha, e dalle quali attingere.

Estratto da: Leonardo arena, l’altro Nietzsche, Kindle Edition

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: