Skip to content

La cura Stirner

17 febbraio 2016

Stirner si presenta come l’anti-Hegel, e lo è, sul piano del nudo, che lui chiama Nulla (Nichts), Unico (der Einzige) o proprietà (Eigentum) dell’unico. Diversamente da Hegel, Stirner concepisce l’essere nella sua stretta relazione con il Nulla, senza arrivare alla sintesi conciliante del divenire; e non ammette che attraverso il processo dell’Aufhebung il negativo possa trasformarsi in qualcos’altro, grazie alla prescrizione normativa. Da qui le accuse di irrazionalismo, infondate, e la possibilità di etichettare la sua dottrina come nichilismo, quando invece essa si inoltra, con sorprendente anticipazione storica, nei meandri del nonsense. Come la vita stessa di questo filosofo misconosciuto, il quale, forse a causa di una puntura letale, muore prematuramente; prima di poter sbugiardare l’altra grande figura filosofica del secolo, Nietzsche, per un plagio tuttora misconosciuto. E così la storia di Johann Schmidt viene occultata dietro alla scelta del suo pseudonimo, Max Stirner, a sua volta occultato dalla figura di Nietzsche che si approprierà del suo Nulla.

da: Leonardo arena, note ai margini del nulla, Kindle Edition

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: