Skip to content

La seconda luna (第二月)

28 marzo 2016

“Mentre Yunyan stava scopando per terra Daowu disse: “Che grande sciocchezza!” Yunyan disse: “Dovresti sapere che esiste qualcosa che non è una grande sciocchezza.” Daowu replicò: “Se è così, allora deve esserci una seconda luna.” Yunyan alzò la scopa e domandò: “Qual è questa luna?” Daowu, allora, se ne andò. Xuansha disse: “Questa è proprio la seconda luna.” Yunmen disse: “Il servo scorge una serva prosperosa.” (Congronglu, n. 21)

Il sesso non svolge un ruolo determinante nel Chan. Non che venga disatteso, ma fa capolino di rado. Meglio pensare che il servo, in cerca di una donna florida, riesca a trovarla per animare il tetro ambiente del monastero. Dove l’omosessualità era tutt’altro che infrequente, seppure non la regola, a differenza del Giappone. Superfluo osservare che ogni attività rispecchia la vita quotidiana. Il problema, infatti, è la quotidianità stessa. Ecco che si torna sul sesso, sovente rimosso. Cosa farà il vecchio, regredendo alla condizione fanciullina, se non dell’onanismo?

da: Leonardo arena, il libro della tranquillità, Kindle Edition

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: