Skip to content

Zhuangzi: la pulsione 機

1 maggio 2016

Ogni creatura possiede un meccanismo spontaneo (ji,機), che le consente proprio certe prestazioni; sarebbe sciocco invidiare chi ne esegue altre: ciò che è agevole a una è arduo per un’altra. Zhuangzi auspica che tutti accettino la propria realtà, la funzione che sono chiamati a svolgere in natura. Tutti gli esseri attingono alla spontaneità, e si rivelano grandi, cioè non inferiori agli altri, se solo ne rispettano i dettami, senza cercare di divenire ciò che non sono. La lezione può essere trasferita al mondo umano: ogni individuo ha inclinazione per determinate abilità che gli sono connaturate, mentre altre gli restano inaccessibili; solo chi si ostinasse a essere diverso conoscerebbe l’infelicità: gli altri si accontentano delle proprie qualità, coltivandole a piacere.

da:Leonardo Arena, L’innocenza del Tao, Kindle Edition 2015

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: