Skip to content

Lu Xiangshan: la vita e i libri

7 maggio 2016

“Se nei nostri studi attingiamo i fondamenti essenziali, allora i Sei Classici non sono altro che note in calce alla nostra vita” . (Lu Xiangshan, Xiangshan quanji, 34)

Zhu Xi non avrebbe mai osato affermarlo, concentrato com’era nello studio e nell’esegesi testuale; Lu Xiangshan rinvia lo studente a se stesso, senza subordinarlo alla letteratura. “Tornare alla mente originaria” è il suo programma; Lu Xiangshan si avvale di una terminologia buddhista, conferendole un significato confuciano; soltanto la spontaneità può guidarci alla mèta.

“Il mio tipo di studio è diverso da quello degli altri, poiché a me ogni parola perviene naturalmente. Benché io abbia pronunciato decine di migliaia di parole, sono tutte espressioni di ciò che è dentro di me, cui non ho aggiunto altro” (Lu Xiangshan, ibidem).

Da: Leonardo Arena, L’innocenza del Tao, Milano, Mondadori 2010 (Reprint: Kindle Edition 2015)

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: