Skip to content

Nāgārjuna e Wittgenstein:una suite

29 maggio 2016

“Pensi che io abbia una teoria? Pensi che stia dicendo cosa sia il deterioramento? Ciò che faccio è descrivere cose differenti chiamate deterioramento” (L. Wittgenstein, Lezioni e conversazioni, p. 65).

Il rifiuto della teoria è modo per non passare dal particolare al generale, o viceversa. Il metodo di trovare la differenza, di non concludere, dedurre o indurre; è difficile da seguire nella logica-linguaggio, ma doveroso. Ciò che sconcerta gli allievi di Wittgenstein e coloro che non sanno rinunciare all’opinione – detto incidentalmente, il Buddha predicava la distruzione delle opinioni, e un suo adepto, Nagarjuna, ha anticipato Wittgenstein riprendendolo. Ciò è uno stile di vita, non una categoria. È così difficile non dare in pasto agli allievi una teoria! La nostra mente ne rincorre una anche nel sonno…

da: Leonardo Arena, L’altro Wittgenstein, Kindle Edition 2015

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: