Skip to content

L’illusione aldilà dell’illusione

29 giugno 2016

“Le categorie di scopo, unità, essere, con cui abbiamo attribuito un valore al mondo, sono di nuovo ritirate da noi, e ora il mondo sembra privo di valore (F. Nietzsche, La volontà di potenza, Milano, Bompiani 1995, p. 13).”

Appena l’essere umano si accorge di aver attribuito lui stesso un significato al mondo ha la tendenza a ritirare gli investimenti, cioè le categorie che ha creato. Ciò potrebbe non essere visto come una conseguenza positiva, né negativa, bensì naturale. Una illusione si trasforma in disillusione. Una parte di noi sente che è stata ingannata degli esorcisti, e pensa che riportandosi vicino al nudo possa recuperare un vasto ambito delle sue risorse esistenziali. Anche questa potrebbe essere una illusione, se perseguita in vista di una meta o di uno scopo.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: