Skip to content

Scelsi e Julius Evola

6 luglio 2016

Cosa resta di queste letture esoteriche, quanto influirono sulla formazione di Scelsi? Sappiamo la sua curiosità onnivora, l’apertura agli studi orientalistici del tempo, che in un primo tempo lo mise in contatto con Assagioli e Julius Evola. Parlando di Assagioli, e delle riunioni in casa sua, delle persone ivi incontrate, Scelsi dice: “In fondo, di tutto quello che veniva detto, era quanto diceva Evola ciò che mi stimolava di più, che mi sembrava più vicino a quanto avrei voluto sapere. Ma anche lì vi era qualcosa che non mi quadrava”. Scelsi intuisce in Evola, fino a un certo punto, una affinità intellettuale, una convergenza di interessi, ma solo fino a un certo punto, né mi risulta che abbia mai illustrato le ragioni delle sue riserve, ancorché affascinato dalla indubbia cultura del filosofo.

da: Leonardo arena, scelsi: oltre l’occidente, Crac edizioni, Falconara Marittima 2016

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: