Skip to content

Limiti della tecnica

7 settembre 2016

Alcuni maestri orientali ricorsero a compromessi. Assertori di una verità suprema, aliena al linguaggio e all’etica, suggerirono varie tecniche ai loro allievi europei e americani. Non ne sentivano la necessità, tranne che per venire incontro alle loro consapevolezze limitate. Il discorso sarebbe finito subito, se qualcuno avesse detto: “C’è solo il Nulla, il Vuoto”. La tecnica è un boomerang: l’adepto vi si attacca, e si discosta dalla realtà ineffabile. L’adepto dello Yoga si compiace delle posizioni difficili, quello dello Zen di tenere la schiena dritta, il cristiano di una preghiera piena di aspettative. La tecnica prevale sugli esecutori: un pianista classico si attiene allo spartito, pensando che una nota in più pregiudicherà il brano. Si scambia il mezzo con il fine.

da:Leonardo Arena, Illusioni, Kindle Edition 2016.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: