Skip to content

Jung e il simbolico

25 gennaio 2017

“Il simbolo vuol essere preservato dalle interpretazioni freudiane, le quali sono pseudo-verità che non mancano di fare effetto” (C. G. Jung, Letters, vol. I,1906-1950, a cura di G. Adler, New York, Ratledge 2015; edizione digitale).

C’è un simbolismo nelle interpretazioni di Freud e di Jung. La critica che Jung fa a Freud gli è stata posta da altri. Specie riguardo al simbolismo sessuale nella sfera onirica. Molti sostengono che la critica sia più pertinente a Jung che a Freud. Come se Jung aderisse a un “codice cifrato”, in base al quale interpretare le manifestazioni dell’inconscio. È vero che Jung tenta di sottrarsi alle interpretazioni riduzionistiche: “questo non è altro che quello”.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: