Skip to content

Zhuangzi e il nucleare

30 gennaio 2017

“Ha rappresentato uno dei grandi trionfi della fisica moderna l’aver scoperto che il costante flusso di energia proveniente dal sole, il nostro legame vitale con il mondo dell’estremamente grande, è un risultato di reazioni nucleari, cioè di fenomeni che avvengono nel mondo dell’infinitamente piccolo” (F. Capra, il tao della fisica, cit., p. 105).

Nel taoismo – penso a Zhuangzi -, l’estremamente grande è simile all’estremamente piccolo: “La punta di un capello può essere più grande del monte Tai”. Si relativizza la differenza di dimensioni, attraverso una estremizzazione. Nella sfera della conoscenza ristretta, piccola (xiao zhi), le dimensioni hanno peso, e regna la distinzione. In quella della grande o superiore conoscenza (da zhi), le distinzioni si annullano. Anche qui può esservi una intuizione che invalida la distinzione su un piano, per riproporla nell’altro. La citazione mostra che c’è uno scambio continuo tra un piano e l’altro.
(L. V. Arena, Quanti orientali, forthcoming)

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: