Skip to content

Kierkegaard sul senso della vita

3 febbraio 2017

“Soltanto quando l’uomo ha compreso se stesso in questo modo intimo e si vede ormai in cammino sulla propria strada, solo allora la vita si placa e prende un senso (S. Kierkegaard, Diario, vol. I (1834-49), Brescia, Morcelliana 1962, p. 191; tr it C. Fabro, II ediz. riveduta), p. 199).”

Non esiste un significato della vita, che sia vero e valido per tutti. Possiamo cercarne uno e illuderci che corrobori l’esistenza. Kierkegaard non si discosta da Schopenhauer. Talvolta si ha l’impressione che percorrendo un sentiero si risponda a una vocazione. Che sia un’illusione non attenua la scoperta. Bisogna distinguere la conoscenza di uno scopo dalla sua comprensione.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: