Skip to content

Platone non platonico

15 marzo 2017

Un’apertura più ampia è data dalla settima lettera in cui Platone dichiara di non aver mai svelato le sue concezioni più intime, anche perché non formulabili; l’elaborazione di queste consapevolezze dipende dall’esperienza e da un tempo di assimilazione che il filosofo – l’iniziato – non può controllare e si realizza da sé. È il punto più elevato della riflessione platonica nell’ottica del nonsense.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: