Skip to content

Frenzy

17 settembre 2017

La conoscenza implica un confronto mai esaustivo, come capì Fichte nella Dottrina della scienza con la contrapposizione tra Io e non-Io. L’approccio teleologico alle cose le dota del senso del mistero. Il senso di un testo è una ricerca forzata, una costrizione. Ma anche quella del nonsense per una mente avvezza all’esorcismo del nudo. Si può dare un senso al testo o togliervelo: dipende solo da noi.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: