Vai al contenuto

Phobos e Deimos

19 agosto 2018

Possiamo essere fantasmi della solitudine e danneggeremmo soltanto noi stessi astraendo dal tumulto della vita; tuttavia, una parte di noi spinge altrove. Un rigurgito che vorremmo tacitare, inavvertito. Eppure c’è, c’è, lo soffochiamo, riprendiamo il già detto; la paura del socius ci assale, quasi non potessimo prescinderne o altrimenti ci macchiassimo d’infamia.

Annunci

From → filosofia

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: